IL FOTOVOLTAICO: UN INVESTIMENTO CHE RENDE IL 14% - COMPILA IL MODULO A FONDO PAGINA PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO

 

L’unico sistema per produrre energia elettrica, disponibile oggi a prezzi a tutti accessibili, è l’impianto fotovoltaico.

Gli incentivi che il GSE ha corrisposto negli anni passati hanno permesso di avere una riduzione sensibile sul costo dell’impianto, (nel 2008 un impianto costava 6.000 € x Kwp).

Facciamo un'analisi semplificata come studio di fattibilità

Oggi un impianto fotovoltaico da 3kw "chiavi in mano" richiede un investimento di meno di 7.000 €. Applicando la detrazione fiscale del 50% che vale per tutto il 2017, il costo effettivo che inciderà è di 3.500 €.

Un impianto fotovoltaico da 3 kw nella nostra area produce mediamente 3300 kwh anno.

Dalla nostra esperienza, negli ultimi 9 anni di attività, abbiamo rilevato che la famiglia media riesce ad utilizzare il 50% di energia ed il 50% viene ceduto alla rete.

La rete paga circa 0,16 € per kwh immesso, il costo in fattura del kwh oggi è mediamente  0,24 € x Kwh, ne consegue che l’impianto avrà la seguente resa:

ENERGIA RISPARMIATA DA FATTURA ENEL (0,24 € x 1650Kw)(396 €)

+

ENERGIA IMMESSA IN RETE (0,16 € x 1650Kw)(264 €)

+

DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (350 €)

=

 L'IMPIANTO RENDERÀ 396 € + 264 € + 350 € = 1010 €

 

In 7 anni verranno recuperati i soldi spesi per la realizzazione dell’impianto stesso.

Se avessimo 7000 € in banca oggi avremmo una resa del 1,5%, quindi di 105 €, contro i 350 € di detrazione fiscale + 660 € di resa impianto.

Totale della resa dei nostri 7000 € investiti, 1010 € cioè una resa del 14,4%

Se le famiglie iniziassero a ridurre l’uso del gas e utilizzassero l’energia elettrica in alternativa come ad esempio:

1. Pompe di calore per produzione di acqua calda sanitaria (detrazione 65% o Conto termico), o integrazione con il riscaldamento esistente

2. Piastre ad induzione per cucinare

3. Mobilità elettrica invece della benzina ecc…

POTREMMO AVERE UN RISPARMIO ECONOMICO NETTAMENTE CONSISTENTE

La soluzione del fotovoltaico ci da una protezione per il futuro, visto che l’Italia non può produrre energia elettrica, nella gestione dei conti di casa nostra, ed il rientro del nostro investimento eco-sostenibile in un tempo minore di quello stimato.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI O PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO COMPILA IL MODULO IN QUESTA PAGINA

 

DOMANDE COMUNI

 

1- Conviene installare l'accumulo a batterie?

Riteniamo che oggi l'accumulo sia ancora troppo costoso per essere preso in considerazione. Un buon sistema di accumulo costa almeno 4000 €, quindi conviene cedere l'energia alla rete elettrica dato che viene pagata pochi centesimi in meno del prezzo di acquisto

2- Per quanti anni può funzionare un impianto fotovoltaico?

I Pannelli fotovoltaici sono garantiti per 25 anni con una resa dell’80%, quindi se accettiamo un calo di resa al 50% possiamo dire che per 40 anni avremo un impianto che produrrà energia elettrica.

3- Dopo 40 anni devo smaltire i pannelli? 

Siamo nella preistoria tecnologica del fotovoltaico, quindi tra 40 anni probabilmente i pannelli non si smaltiranno ma saranno coperti con altre tecnologie come soluzioni a film sottile o analoghe. In ogni caso il pannello sul tetto protegge il tetto dai raggi solari rendendolo più fresco in estate.

4- Quanto costa mantenere  un'impianto fotovoltaico?

L’impianto è costituito da:

- Pannelli fotovoltaici con 25 anni di garanzia

- Inverter 12 anni di garanzia 

- Cavi ed interruttori. 

Quindi possiamo dire che per 40 anni il sistema continuerà a produrre, senza necessità di particolari manutenzioni, consigliamo vivamente per avere un efficienza massima il lavaggio dei pannelli ogni 2-3 anni.


Privacy policy - Cookie Policy - SiteMap